17apr-2018

“Hippo Competition” è sfida sull’ingese. Lonato è in finalissima

hyppo_competition_hp_feralpi

Si chiama Sofia Mascoli e rappresenterà l’Italia. In cosa? Nell’inglese. Avete letto bene. La studentessa, che frequenta la classe 3F dell’Istituto superiore Tarello di Lonato del Garda, si è qualificata al terzo posto nella categoria Hippo 3. “Hippo competition” è una competizione internazionale, patrocinata da Pearson ltd, che verte sulla lingua inglese ed è aperta a studenti non madrelingua di età compresa dai 10 ai 19 anni, suddivisi in 5 categorie. La gara ha visto la partecipazione di 22,155 partecipanti da paesi europei e non.

Sofia rappresenterà la scuola e l’Italia nella finale internazionale a Jesolo il 12 e il 13 maggio.

Ma la strada è stata lunga e Sofia non era sola. Infatti, ventisette alunni delle classi terze, selezionati tra coloro che dimostravano sicuri livelli di competenza in lingua inglese, e una alunna di prima, hanno seguito un corso apposito di preparazione con la prof.ssa Elisabetta D’Aloisio (da novembre 2017 a febbraio 2018).

La prima fase – il Preliminary Round – si è svolto presso la scuola Tarello il 16 e 17 febbraio. La seconda fase – il Semi-final Round – si è svolto presso il Campus Einaudi a Torino lo scorso 17 marzo 2018. Solo il 10% dei partecipanti di ciascun paese ha infatti superato la fase preliminare. Grazie anche al contributo di Feralpi, che ha sostenuto la trasferta piemontese, sono approdati alla semifinale Alberto Baruffolo, Gaia Spinelli, Giulia Bontempi, Flavio Bettini, Usman Ashiq, Simranjit Kaur, Sofia Mascoli e Alessia Guarisco.

Sofia Mascoli della classe 3F, che ricordiamo si è qualificata al terzo posto nella categoria Hippo 3 andrà a Jesolo il 12 e il 13 maggio. I finalisti italiani sono in totale 10, due per ogni categoria.

hippo_competition_feralpi_web

Da sinistra: Sofia Mascoli, Flavio Bettini, Usman Ashiq, Alberto Baruffolo, Alessia Guarisco, Simranjit Kaur, Giulia Bontempi e Gaia Spinelli

Condividi:
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Login to your Account