11gen-2018

Anche lo sport ha il suo Bilancio Sociale. Ecco quello della Feralpisalò

feralpisalo_bilsociale_16-17_hp

Nello sport i numeri che contano non sono solo quelli conquistati per la classifica. Infatti, lo sport porta inevitabilmente con sé implicazioni che vanno ben oltre il campo da gioco. Iniziative, eventi e progetti hanno un impatto sul territorio in cui si opera e, quindi, sulla sua società. Per questo Feralpisalò, società sportiva che milita nel calcio professionistico di Serie C, ha redatto il proprio Bilancio sociale per la stagione 2016/2017.

Sfoglia il Bilancio Sociale 2016-2017 della Feralpisalò

«Il nostro migliore biglietto da visita». Così il presidente della società, Giuseppe Pasini, descrive il bilancio che vuole raccontare «un cammino che si basa sui valori condivisi della nostra famiglia, composta da giocatori, allenatori, collaboratori, socie e sponsor, tifosi e sostenitori, siano essi enti pubblici, istituzioni o privati». Una famiglia che, in realtà è ben più ampia. Sono oltre 600 le persone che vivono quotidianamente in modo diretto la realtà del Club, ma se si considerano le persone raggiunte dalle varie iniziative durante la stagione il numero sale vertiginosamente a oltre 350.000.

Il bilancio di rendicontazione sociale non racchiude “solo” ciò che è stato fatto, ma ance i propositi e gli impegni per il futuro. «Il bilancio sociale – spiega la responsabile marketing e comunicazione di Feralpisalò,  – costituisce soprattutto la nostra identità. È il nostro senso di fare squadra tra tutte le parti coinvolte e la volontà di costruire insieme qualcosa di importante attraverso tutte le attività che, dall’ambito sportivo a quello prettamente sociale, scandiscono l’annata calcistica».

Ma c’è di più. «Qui comunichiamo l’impegno e l’attenzione che dedichiamo a quello che facciamo» sottolinea Pasini. Ovvero, «mettere al centro del Club i giovani e il nostro amato territorio».

Scarica il Bilancio Sociale 2016/2017 della Feralpisalò

Condividi:
Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Login to your Account